Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

PASTIERA napoletana

A Napule regnava Ferdinando Ca passava e’ jurnate zompettiando; Mentr’ invece a’ mugliera, ‘Onna Teresa, Steva sempe arraggiata. A’ faccia appesa O’ musso luongo, nun redeva maje, Comm’avess passate tanta guaje. Nù bellu juorno Amelia, a’ cammeriera Le dicette: “Maestà, chest’è a’ Pastiera. Piace e’ femmene, all’uommene e e’creature: Uova, ricotta, grano, e acqua re ciure, ‘Mpastata insieme o’ zucchero e a’ farina A può purtà nnanz o’Rre: e pur’ a Rigina”. Maria Teresa facett a’ faccia brutta: Mastecanno, riceva: “E’ o’Paraviso!” E le scappava pure o’ pizz’a riso. Allora o’ Rre dicette: “E che marina! Pe fa ridere a tte, ce vò a Pastiera? Moglie mia, vien’accà, damme n’abbraccio! Chistu dolce te piace? E mò c’o saccio Ordino al cuoco che, a partir d’adesso, Stà Pastiera la faccia un pò più spesso. Nun solo a Pasca, che altrimenti è un danno; pe te fà ridere adda passà n’at’ anno!”

Ingredienti per la frolla: 350 gr. di farina 2 uova 80 gr . di zucchero 125 gr di burro senza lattosio

I…

Ultimi post

Biscotti con cuore di mela

RAVIOLI ricotta e spinaci

Zuppa di cavolo nero e fagioli borlotti

INSALATA di spinaci, funghi, barbabietola rossa e parmigiano

Tabouleh

Gaspacho con la centrifuga

BISCOTTI bianchi e neri

BISCOTTI alla cannella

PESTO di cavolo nero e pinoli

RAVIOLI di pesce